Saperi in Rete

Seguici sui nostri canali

Life Skills

A cura di Maria Grazia Turra (Cpia 2 Milano)

Nella formazione di docenti ed educatori, le “life skills” (competenze per la vita) assumono un ruolo fondamentale poiché questi professionisti sono responsabili di guidare e preparare gli studenti non solo in ambito accademico, ma anche per la vita in generale. Ecco come le life skills sono considerate nella formazione dei docenti ed educatori:

Trasmissione delle competenze: I docenti ed educatori devono essere in grado di trasmettere le life skills agli studenti attraverso l’esempio e l’insegnamento diretto. Ciò significa che devono essere modelli positivi per le competenze di comunicazione, pensiero critico, risoluzione dei problemi e altro ancora.

Programmi educativi: Le life skills possono essere integrate nei programmi scolastici per aiutare gli studenti a svilupparle. Questi programmi possono includere attività, progetti e lezioni mirate a promuovere abilità come la collaborazione, la gestione dello stress e l’etica.

Formazione: i docenti ed educatori dovrebbero ricevere formazione specifica sulla promozione delle life skills tra gli studenti. Questa formazione può includere strategie pedagogiche, valutazioni basate sulle competenze e metodi di insegnamento attivi.

Sostegno emotivo e benessere degli studenti: Gli educatori sono spesso i primi a notare segni di disagio emotivo o problemi di salute mentale negli studenti. Le life skills come l’empatia e la gestione delle emozioni sono fondamentali per fornire sostegno e assistenza adeguati.

Creazione di un ambiente di apprendimento positivo: Un ambiente di apprendimento che promuove l’inclusione, la tolleranza e il rispetto reciproco favorisce lo sviluppo delle life skills. Gli educatori possono contribuire a creare tali ambienti in classe.

 

 

LifeSkill 1 – Educare alle “life skills” con l’italiano L2: da dove partire?

      Leggo in EPALE Journal questo titolo: Lo sviluppo delle life skills nella classe di lingua (I. Fratter, N. Fratter) e mi incuriosisco per un duplice motivo:  un po’ perché insegno Italiano L2 ad adulti stranieri ma soprattutto  perché ritengo necessario, a tutte le età, migliorare l’acquisizione e la competenza di queste skills […]